- UNIONCASA BRESCIA
 
UNIONCASA è  riconosciuta dal Ministero dei Lavori Pubblici con D.M. 5 marzo 1999 come associazione maggiormente rappresentativa di categoria.
 
E' nata con l’obiettivo di rappresentare un punto di riferimento dinamico per chi crede ed opera nel settore immobiliare, tutelando i diritti della proprietà immobiliare.

CONSULENZA - CONTRATTI DI LOCAZIONE - SFRATTI
 
 

ASSEVERAZIONE-ATTESTAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONI A CANONE CONCORDATO 

In data 15 e 23 maggio 2018 le Associazioni rappresentative della proprietà e dei conduttori della provincia di Brescia, hanno depositato i nuovi accordi per Brescia e gli altri comuni della provincia sul nuovo contratto concordato, stabilendo nuovi parametri e condizioni.

Per accedere ai benefici fiscali il contratto dovrà essere predisposto sul modello del Ministero ed avere l'asseverazione di una delle associazioni firmatarie.

L'asseverazione-attestazione è un servizio riservato agli Associati di Unioncasa.

 

NUOVI CONTRATTI A CANONE CONCORDATO E AGEVOLAZIONI

NUOVI CONTRATTI A CANONE CONCORDATO E AGEVOLAZIONI - UNIONCASA BRESCIA

 

BANDO PROMOZIONE DELLA LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO DI APPARTAMENTI SFITTI

Termine di scadenza per la presentazione delle domande: 31/12/2018


Il Comune di Brescia ha prorogato al 31/12/2018 il termine per la presentazione delle domande di adesione al bando per la promozione della locazione a canone concordato di appartamenti sfitti, per garantire la più ampia partecipazione da parte dei proprietari interessati all’iniziativa. 

Con questo bando s’intende individuare alloggi di proprietà privata destinati a civile abitazione, che i proprietari siano disponibili ad affittare a canone concordato e calmierato a nuclei familiari residenti nel Comune di Brescia con indicatore della situazione economica misurata tramite ISEE entro un valore di 20.000,00 €, a fronte di un contributo commisurato al reddito dell’inquilino.  

Il bando rientra nelle “Iniziative per favorire la mobilità nel settore della locazione”, realizzate in collaborazione con Regione Lombardia. 

I destinatari dell’iniziativa sono i proprietari di alloggi sfitti destinati a civile abitazione. I suddetti immobili, situati nel Comune di Brescia, non devono necessitare di interventi di ripristino ed appartenere alle categorie catastali A2, A3, A4 e A5. E’ possibile consultare l’elenco completo dei requisiti degli alloggi al punto 3 dell’avviso pubblico.

• Determinazione del contributo 

Il contributo sarà erogato, fino ad esaurimento delle risorse disponibili, al proprietario in un’unica soluzione, all’atto della presentazione del contratto di locazione sottoscritto e registrato.

L’importo del contributo riguarderà il primo triennio del contratto e sarà parametrato in base all’indicatore della situazione economica del nucleo familiare nel seguente modo:

- per i nuclei con ISEE fino a 10.000,00 € il contributo sarà  del 30% del canone locativo;

- per i nuclei con ISEE compreso tra 10.000,01 e 15.000,00 € il contributo sarà del 25% del canone locativo;

- per i nuclei con ISEE compreso tra i 15.000,01 e i 20.000,00 € il contributo sarà del 20% del canone locativo.

Il contributo erogato dal Comune di Brescia sarà in conto affitti, con conseguente riduzione percentuale del canone d’affitto richiesto all’inquilino per il primo triennio.

Il Comune di Brescia riconosce, inoltre, al proprietario un “contributo una tantum”, pari ad € 2.500,00 a valere su possibili situazioni di criticità dei pagamenti da parte degli inquilini durante la vigenza contrattuale.

• Termine di presentazione delle domande e modalità 

Le domande, complete della documentazione necessaria, possono essere presentate con le seguenti modalità: 

- consegna a mano al Servizio Casa, piazzale della Repubblica n. 1 - 1° piano con orario di apertura dal lunedì al giovedì dalle 9.00 a 12.00 e il giovedì anche dalle 14.00 alle 15.45;

- a mezzo raccomandata A.R. da inviare al Comune di Brescia – Servizio Casa, piazzale della Repubblica n. 1. La raccomandata dovrà pervenire entro il termine di scadenza, non farà fede il timbro postale;

- tramite posta certificata (PEC) al seguente indirizzo: serviziocasa@pec.comune.brescia.it

La domanda deve essere presentata utilizzando il modello allegato al bando.

  

La data di scadenza del bando è il 31/12/2018. 

Per informazioni relative alla stipula del contratto a canone concordato, ai sensi dell’art. 2 comma 3 della legge 9 dicembre 1998 n. 431, è possibile rivolgersi alle Associazioni Proprietari Immobiliari e alle Associazioni per l’Assistenza degli Inquilini.

Per informazioni:

Servizio Casa del Comune di Brescia – piazzale della Repubblica n. 1 – Brescia

Orari di apertura al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 12.00 e il giovedì anche il pomeriggio dalle 14.00 alle 15.45

Tel. 030.2978976 – 030.2977426

E-mail: servizio.casa@comune.brescia.it

Bando per sostenere famiglie in locazione con reddito solo da pensione

Bando per sostenere famiglie in locazione con reddito solo da pensione - UNIONCASA BRESCIA

Misura 4 - DGR XI/606 del 01/10/2018

Il Comune di Brescia ha aderito alla Misura 4 prevista dalla deliberazione di Giunta Regionale n. XI/606 del 01/10/2018. L’iniziativa ha come obiettivo quello di sostenere gli inquilini sul mercato privato della locazione e dei Servizi Abitativi Sociali il cui reddito derivi esclusivamente da pensione, che non abbiano uno sfratto in corso;

Destinatari 

I potenziali beneficiari del contributo sono i nuclei familiari in locazione il cui reddito provenga esclusivamente da pensione da lavoro/di vecchiaia/di anzianità, in grave disagio economico, o in condizione di particolare vulnerabilità, ove la spesa per la locazione rappresenti un onere eccessivo (il requisito si verifica laddove la spesa per il canone sia superiore al 20% del reddito);

Requisiti richiesti per gli inquilini 

- avere un reddito familiare derivante esclusivamente da pensione da lavoro/di vecchiaia/di anzianità;

- essere residente nel Comune di Brescia alla data di presentazione della domanda;

- residenza da almeno 5 anni in Regione Lombardia da parte di un membro del nucleo familiare;

- essere in possesso di un ISEE in corso di validità entro un valore massimo di 15.000€;

- essere alla data di presentazione della domanda titolare di contratto di locazione sul libero mercato o in alloggi definiti Servizi Abitativi Sociali (ai sensi della L.R. 16/2016, art.1 c.6) relativo ad unità immobiliare ad uso residenziale, sita in Brescia e occupata a titolo di residenza esclusiva o principale da parte del dichiarante e del suo nucleo familiare, per il quale non sono in corso procedure di rilascio dell’abitazione o non sussistono morosità;

- canone di locazione  superiore al 20% del reddito lordo del nucleo familiare;

- non essere titolare di contratto d’affitto con patto di futura vendita;

- non essere in possesso di alloggio adeguato in Regione Lombardia;

Contributo e vincoli per il proprietario:

Il contributo viene erogato direttamente al proprietario dell’alloggio, a scomputo dei canoni futuri, a fronte di un impegno a non aumentare il canone di locazione per 12 mesi o a rinnovare il contratto alle stesse condizioni, se in scadenza.

Il contributo assegnato non potrà superare l’importo di 1.500 € e potrà subire variazioni in diminuzione in base alla disponibilità del Fondo ed alle domande pervenute risultate idonee.

Informazioni, ritiro dei moduli e presentazione della domanda:

Rivolgersi al Servizio Casa del Comune di Brescia – Piazzale della Repubblica, 1 – Brescia

tel. 030.2978976/7336 negli orari di apertura al pubblico: dal lunedì al giovedì orario 09.00-12.30, il giovedì anche di pomeriggio orario 14.00-15.30 oppure via e-mail: servizio.casa@comune.brescia.it

Ritiro dei moduli:

Presso il Servizio Casa negli orari di apertura al pubblico oppure scaricando gli allegati.

Presentazione della domanda:

Le istanze, redatte secondo il modello predisposto, potranno essere presentate fino al 01 aprile 2019 entro le ore 12.30. 

La ricezione delle domande compilate, corredate da copia della documentazione necessaria, avverrà, solo su appuntamento, presso il Servizio Casa del Comune di Brescia – Piazzale della Repubblica, 1 – Brescia – negli orari di apertura al pubblico: da lunedì al giovedì orario 9.00-12.30, il giovedì anche di pomeriggio orario 14.00-15.30.


 

 

INIZIATIVE PER IL CONTENIMENTO DEGLI SFRATTI

INIZIATIVE PER IL CONTENIMENTO DEGLI SFRATTI - UNIONCASA BRESCIA

Iniziative per il contenimento delle procedure di sfratto

Dal  2015, con risorse messe a disposizione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, attraverso la Regione Lombardia,  sono operative diverse le linee d’intervento al fine d’indennizzare i locatori che intendono aderire alle proposte di mediazione formulate dal Servizio Casa e consentire agli inquilini morosi incolpevoli di reperire una nuova soluzione abitativa.

Destinatari dei contributi per la morosità incolpevole

Proprietari di alloggi e inquilini morosi o sottoposti a procedura di sfratto per morosità nel territorio comunale di Brescia. L’insorgere della morosità dev’essere riconducibile a problemi di natura economica dell’inquilino a seguito di eventi negativi temporanei indipendenti dalla volontà dei soggetti per i quali si prevede una potenziale risoluzione futura.

Requisiti richiesti per gli inquilini morosi incolpevoli

- Avere la cittadinanza italiana o di uno stato dell'Unione Europea, oppure essere nella condizione di straniero in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione; tale requisito dev’essere posseduto dal soggetto titolare del contratto di locazione; 

-essere destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida o della successiva convalida;

-  Essere residente nell’alloggio oggetto della procedura di sfratto;

- Attestazione ISEE in corso di validità entro un valore di 26.000,00 €.

Modalità 

La domanda di accesso può essere presentata compilando gli appositi moduli (scaricabili a fondo pagina) corredati da copia della documentazione necessaria.

L’esito dell’istruttoria è sottoposto alla valutazione di una Commissione in cui siedono oltre, a rappresentanti del Comune e di Aler, le rappresentanze degli inquilini e delle associazioni dei proprietari immobiliari.

Nel caso sia valutata positivamente l’ammissibilità al progetto, la Commissione formula una proposta alla proprietà che può prevedere una delle seguenti linee d’intervento:

 

Annullamento della procedura esecutiva di sfratto con prosecuzione del contratto in essere 

Il proprietario che dichiara di rinunciare all’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’alloggio, rendendosi  disponibile a proseguire con il contratto in essere (qualora la durata contrattuale residua non sia inferiore ai due anni), può ricevere in un’unica soluzione un contributo a sanatoria della morosità maturata dall’inquilino fino a un massimo di € 8.000,00.

Annullamento della procedura esecutiva di sfratto con sottoscrizione di un nuovo contratto a canone concordato

Il proprietario che dichiara di rinunciare all’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’alloggio, rendendosi disponibile a sottoscrivere un nuovo contratto a canone concordato, può ricevere in un’unica soluzione un contributo a sanatoria della morosità maturata dall’inquilino fino a un massimo di € 8.000,00.

Al fine di favorire la stipula del nuovo contratto tra le parti il Comune può prevedere il pagamento di un ulteriore contributo in favore del locatore, a parziale copertura del pagamento del nuovo canone di locazione, che dovrà essere preferibilmente a canone concordato, ma che potrà anche essere anche a canone inferiore rispetto al libero mercato. Tale contributo, sommato al precedente non potrà superare il limite massimo di 12.000,00 €

Sospensione della procedura di sfratto 

Il proprietario che accetta di sospendere la procedura di sfratto nella fase esecutiva può ricevere dal Comune  un contributo economico mensile per una durata ed un importo variabile a seconda delle condizioni del nucleo familiare fino a un massimo di 6.000  €.

Cauzione per un nuovo alloggio 

Per favorire il passaggio di casa in casa all’inquilino sottoposto a procedura di sfratto può essere erogato un contributo al fine del rimborso del deposito cauzionale per un nuovo contratto di locazione che dovrà essere preferibilmente a canone concordato, ma che potrà anche essere anche a canone inferiore rispetto al libero mercato. L’importo del contributo erogabile che potrà comprendere anche il pagamento di alcune mensilità del nuovo canone locativo è stabilito fino a un massimo di € 4.000,00.

Altre iniziative per il contenimento degli sfratti (escomi per case all’asta o sfratti per finita locazione)

Il Comune di Brescia ha attivato a partire dall’anno 2011 un progetto per il contenimento degli sfratti al fine di ottenere una prevenzione ed una graduazione delle procedure di sfratto, oltre che ad incentivare la sottoscrizione di contratti a canone concordato. 

Considerato che il perdurare della congiuntura economica negativa ha causato un ulteriore incremento delle problematiche legate all’emergenza abitativa, in particolare per quanto riguarda gli escomi derivanti da trasferimenti di proprietà nell’ambito di aste immobiliari o per finita locazione, l’amministrazione comunale recentemente ha inteso ampliare le possibilità di accesso anche ai nuclei familiari coinvolti in tali procedure di rilascio degli alloggi.

 

Informazioni, ritiro dei moduli e presentazione della domanda

 

Informazioni

Rivolgersi al Servizio Casa del Comune di Brescia – Piazzale della Repubblica, 1 – Brescia

tel. 030.2977430 – 030.2978976  negli orari di apertura al pubblico: 

dal lunedì al giovedì ore 9 – 12.30, il giovedì anche di pomeriggio ore 14.00 – 15.30

oppure via e-mail: servizio.casa@comune.brescia.it

Ritiro dei moduli

Presso il Servizio Casa negli orari di apertura al pubblico oppure scaricando gli allegati

Presentazione della domanda

E’ necessario fissare un appuntamento presentandosi muniti della documentazione attestante la situazione presso il Servizio Casa del Comune di Brescia – Piazzale della Repubblica, 1 – Brescia – negli orari di apertura al pubblico: 

dal lunedì al giovedì ore 9 – 12.30, il giovedì anche di pomeriggio ore 14.00 – 15.30